L’OPINIONE. BILARDI, BILLONE E LA FRETTA GIALLOBLU’

Giuseppe Monti sarà il prossimo allenatore dell’Ischia Calcio. La notizia circola tra gli addetti ai lavori (ed anche bel oltre) finanche da prima delle ultime festività natalizie. Stando ai particolari trapelati, pare che sia stato lo stesso Bilardi (il quale lascerà la panchina per un ruolo tecnico)
a sponsorizzare il nome del “magico guerriero” gialloblù. A confermare tutto ciò nelle scorse ore è stato Pino Taglialatela, esponente e voce della società isclana, che con una dichiarazione ufficiale ha conferito alla notizia un peso molto diverso. Da pettegolezzo, sebbene qualificato, a certezza.
Sia ben chiaro: “Billone” Monti è un’ ottima scelta: ischitano doc, allenatore validissimo, preparato ed in grado di valorizzare al massimo i giocatori a sua disposizione, o forse sarebbe meglio dire a compiere veri e propri miracoli, come ben sanno proprio ad Ischia (storica la salvezza del 2010 ai play out di serie D in quel Bacoli ottenuta in condizioni difficili, ma anche la stagione successiva ai primi posti in D con una rosa ridotta e senza preparazione atletica) o a Barano. Non si discute, però, la scelta ma i tempi delle dichiarazioni di Taglialatela, sui quali nutro più di qualche perplessità. Sebbene compromessa dai recenti risultati negativi, la corsa play off dell’Ischia è ancora aperta. Difficile (molto), ma non impossibile.
In un momento del genere sarebbe lecito “fare quadrato” tutti assieme e concentrarsi esclusivamente sulle ultime gare mancanti al termine della stagione.
C’ è un campionato da finire e se proprio non arriveranno i play off, bisognerà ugualmente chiudere l’anno sportivo nel miglior modo possibile. Sarebbe svilente, visti anche i valori ed il nome Ischia, se le cose andassero diversamente.
Ovviamente “nel fare quadrato” è compreso anche mister Bilardi, verso il quale mi aspettavo un pizzico di rispetto in più. Vien naturale chiedersi, a questo punto dopo le dichiarazioni recenti, quale autorità possa avere l’allenatore in uno spogliatoio già informato del suo addio o quanto possa essere motivato un giocatore a mettersi in luce agli occhi di un tecnico che – come confermato dalla società- a breve saluterà.
Certo è che, così facendo, non si renderà semplice il compito di mister Bilardi nel gestire il rapporto con i giocatori, con i tifosi (che già più volte ne hanno chiesto la testa) e con l’intero mondo gialloblù.
Personalmente non condivido tutta questa fretta e mi auguro non sia una “ruffianata” in favore dei tifosi. Per pensare (o meglio, comunicare le decisioni relative al futuro e già assunte) il tempo non sarebbe di certo mancato, posto che siamo nella prima metà di marzo. O forse nelle parole di Taglialatela va letta anche una implicita resa nei confronti dell’obiettivo play off?

Alessandro Mollo

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *