lunedì, Luglio 22, 2024
Visita il sito

Ischia eventi estate 2024: dove e quali sono



Il nostro bel Paese è ricco di proposte culturali, territoriali, di beni archeologici e monumentali che vengono apprezzati sia dagli autoctoni che dalle popolazioni estere. Un riconoscimento importante per una nazione troppo spesso vituperata che invece ha proprio nell’offerta propria un plus non di poco conto. Tra i vari luoghi che sostanziano questa proposta vi è senza dubbio alcuno Ischia: meta vacanziera, che però in questo focus viene evidenziata anche per la rassegna importante di eventi organizzati ogni anno.

Chi ha detto che ad Ischia si deve giocare al blackjack online, o a qualsiasi altro gioco per tentare la fortuna, al fine di perdere tempo? Certo, se si vuol tentare la fortuna per cambiare la propria vita è un conto, ma se lo si fa per trascorrere le ore durante la giornata si sappia che la scelta è molto varia. Nello specifico andremo a vedere quello che è il programma 2024 di Ischia, dove e quali sono gli eventi pensati dall’organizzazione amministrativo comunale locale.

Tra musica ed ecologia

Dopo il tentativo di Forio di destagionalizzare il turismo con delle belle luminarie, ecco i principali eventi di Ischia per questo 2024 da un mix particolare nell’abbinamento, ma che fa capire quanto l’interesse dell’amministrazione locale sia rivolto a diverse tematiche parimenti significative. Stiamo parlando della proposta musicale da un lato, ed ecologica dall’altro. Per ciò che concerne il lato musicale la rassegna è piuttosto nutrita e si parte dall’esibizione della banda musicale e della Dorf Tirol per il 19 maggio. Si tratta di un gruppo proveniente dal Trentino Alto Adige che offre proprio quella che è la sua proposta componentistica davvero eccezionale. Tradizione e maestria del nord Italia che vengono trasposte a Forio d’ischia. Quindi settentrione e meridione che si fondono per un evento davvero imperdibile. Per quanto invece concerne l’evento ecologico, per lo più si tratta di passeggiate ecologiche, utili a ripulire il territorio sensibilizzando la popolazione locale, ma anche coloro che sono di passaggio alla tutela dell’ambiente. Una giornata Eco dove le auto verranno messe da parte per fare spazio a biciclette, giochi per bambini e riscoperta appunto dei polmoni verdi spesso influenzati negativamente dallo smog automobilistico e dei mezzi di trasporto. Questa giornata è prevista per il 26 maggio.

Fiera di San vito e Vele d’Epoca

Altri due appuntamenti da cerchiare in rosso sul calendario per la proposta ischitana e partenopea sono la Fiera di San Vito e le Vele d’Epoca. La prima è una festività legata al santo patrono locale che coinvolge l’intero paese. In questa occasione vengono allestite casette di legno, banchi con prodotti tipici artigianali, luminarie d’artista, band musicali con esibizioni live entusiasmanti. In più una manifestazione di carattere enologico essendo San Vito anche il patrono della vite. Quindi anche una messa in mostra di quelli che sono i prodotti vinicoli da sempre eccellenza di questo angolo di terra meridionale d’Italia. Passando poi alle Vele d’Epoca, queste attengono maggiormente al suolo partenopeo, in particolare al golfo di Napoli. Tuttavia vanno menzionati in questa circostanza perché facenti parte del plesso territoriale attiguo ad Ischia. Un secolo di storia che prende vita nuovamente nel presente con le imbarcazioni lignee che si presentano grazie alla manutenzione locale come nuove: praticamente rimaste immutate nel tempo. Una regata spettacolo che deve essere ammirata da vicino, con i propri occhi, per apprezzarla al meglio.

San Lorenzo sotto le stelle e Ferragosto alla Falanga

Spostandoci verso il mese di Agosto, ecco che prendono corpo e vita ad Ischia la celebre notte di San Lorenzo ed il ferragosto alla Falanga.

La prima è una serata conosciuta in tutto lo stivale, sul suolo ischitano si trasforma in una splendida magia grazie alla spiaggia di Chiaia. Una location che in questo giorno particolare dell’anno diventa davvero surreale. Natura, tecnologia e tradizione si uniscono per dare sostanza ad una nottata indimenticabile per chi decide di viverla in loco. Teli da spiaggia e lanterne elettriche accrescono la suggestione di questa lingua di sabbia che si fonde col mare per fare da letto alle stelle cadenti di San Lorenzo.

La seconda è un evento più di carattere culinario che fa assaporare all’utenza il famoso pane e pomodoro all’ischitana. Il tutto gustato alle pendici del monte Epomeo, previo tour organizzato presso l’antico villaggio di pietra dei Frassitelli.

Le cantine ischitane e la festa della Lampuga

Tra la fine di Settembre e gli inizi di Ottobre è possibile assistere alla traversata delle cantine ischitane, come detto in precedenza una delle eccellenze locali di natura enologica.

Degustazioni enogastronomiche che possono essere godute lungo i sentieri e colline del golfo. Location mozzafiato, come il sopra menzionato, monte Epomeo o l’isola di Tifeo si prestano a questa passeggiata davvero sui generis per il tema trattato: ossia quello viticolo. I colori autunnali settembrini ed ottobrini si sposano alla perfezione con il profumo di mosto e vite, creando un compendio multisensoriale che unito alle bellezze naturali di Ischia crea un qualcosa di meraviglioso.

Tornando al settore culinario, ecco la festa della Lampuga il 12 ottobre, già con diverse edizioni all’attivo, che mette al centro dell’attenzione uno dei piatti tradizionali locali. Un pesce dalle carni tenere che viene riproposto attraverso diversi piatti a cura di chef stellati. A fare da sfondo i racconti dei pescatori ischitani che incarnano la tradizione del luogo che ben si accosta all’innovazione sciorinata nelle pietanze assaggiate.

Piste di ghiaccio e presepisti

Recandoci poi verso la fine del 2024 ad Ischia ecco in ultimo l’inaugurazione della posta di ghiaccio prevista per il giorno dell’Immacolata, ossia l’8 dicembre, e la presentazione dei presepisti migliori in circolazione a ridosso della settimana natalizia. La prima verrà allestita nella piazza principale di Forio con gli alberi, le luci ed i monumenti a fare da contorno suggestivo. Un’attrazione unica per grandi e piccini con le famiglie prime interessate a collaudare quella che è un’esperienza tipica del Natale.

I presepisti sono un simbolo autentico di questa ricorrenza di fine anno, poiché il presepe napoletano rappresenta un unicum mondiale riconosciuto ed apprezzato in ogni angolo del globo. Generazioni di artigiani che lavorano alla creazione di pastori e presepi che spesso si associano alle località partenopee, ma che in questa fattispecie il 18 dicembre si realizzerà in quel di Ischia. Una performance d’arte che concluderà davanti agli occhi degli spettatori il presepe lasciato in loco.

Infine, non meno importante, la Notte Bianca del 21 dicembre, che tiene aperte attività locali le quali contribuiscono a mantenere viva la cittadina ischitana.

- Annuncio -

Articoli Correlati

- Annuncio - nascondiglio dell'amore

Seguici sui Social

19,552FansLike
2,177FollowersFollow
9FollowersFollow

DIRETTA TV