DILETTANTI: LA STAGIONE 2020 – 21 PARTIRA’ PIU’ TARDI?

Domani si svolgerà il tanto atteso Consiglio Federale che – come scrivevamo nei giorni scorsi – decreterà lo stop ai campionati dilettantistici (con questa formula: capoliste promosse, seconde classificate con possibilità di ripescaggio, retrocessioni bloccate).

Gli effetti del Covid-19, però, potrebbero andare ben oltre l’attuale stagione: il campionato 2020 – 21, infatti, difficilmente potrà ripartire a settembre. Dare lo start nel mese che saluta l’estate, implicherebbe iniziare i raduni nel mese di luglio, il che sembra davvero difficile visti i tempi (e le pandemie) che corrono. Anche perchè il decreto del governo impone alle società sportive adempimenti considerevoli, tra cui sanificazioni costanti degli ambienti, addirittura dopo ogni allenamento, dal prezzo ognuna di circa 300 euro. Per molti, l’ipotesi è che si riparta tra gennaio e febbraio 2021, magari anche prima ad ottobre se dovesse arrivare un vaccino o terapie specifiche per il Covid 19.
Ripartenza a parte, il calcio dilettanti attende risposte anche sul fronte economico. In attesa di finanziamenti a fondo perduto per le società e per i gestori degli impianti sportivi la Lnd proporrà alla Figc di non far pagare le iscrizioni 2020/2021.

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *