LACCO AMENO, YATCH TRAVOLGE ALTRE IMBARCAZIONI: AVVIATA INCHIESTA SOMMARIA DELLA GUARDIA COSTIERA

È estate, e Ischia, come ogni anno è meta amata da vip, personalità di spicco del mondo politico, calciatori e sportivi di ogni genere; buona parte di questi arrivano sull’isola Verde con yatch di lusso richiamando l’attenzione di residenti e giornalisti, ma ciò che si è verificato nella prima serata di ieri a Lacco Ameno, e che ha visto protagonista proprio un panfilo di notevoli dimensioni, ha davvero dell’incredibile!

Una domenica tutt’altro che tranquilla nel comune all’ombra del fungo, dove, poco prima delle 20:00 un panfilo è entrato “a spron battuto” nel porticciolo travolgendo delle imbarcazioni ormeggiate, per finire poi con la prua sul pontile.

Il “Lady Mary”, questo il nome dello yatch inglese, è entrato senza autorizzazioni, generando momenti di panico tra chi si trovava a passeggiare sul pontile e il personale della Marina del Capitello.

Dal video, realizzato e pubblicato sul suo profilo Facebook da Antonio Russano, è possibile percepire lo spavento dei presenti al momento dell’ingresso dell’imbarcazione.

Per fortuna nessuno è rimasto ferito nell’incidente, ma ingenti risultano i danni alle strutture; tuttavia, lo yatch che ha causato il sinistro marittimo sembra non essere stato coinvolto minimamente.

Avviata un’inchiesta sommaria da parte della Guardia Costiera, queste le parole del Capitano Andrea Meloni: “Siamo intervenuti sul posto appena informati del sinistro. Abbiamo fatti i rilievi e acquisito le informazioni iniziali; abbiamo accertato che non vi fossero feriti o potenziali danni all’ambiente marino; al fine di accertare le cause è stata avviata l’inchiesta sommaria da parte della Guardia Costiera e sono state ascoltati il comandante della Lady Mary, l’equipaggio , il personale della Marina del Capitello e alcuni presenti; È stato richiesto anche l’intervento dell’ente tecnico per la convalida del certificato di sicurezza della Lady Mary e di un’altra unità coinvolta nel sinistro”

Il Capitano ha inoltre precisato che l’inchiesta sommaria verrà eseguita come previsto dal codice della nautica da diporto e dal codice della navigazione.

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *