I SINDACI SCRIVONO ALL’ASL E ALLA REGIONE: TROPPI RITARDI NELL’ANALISI DEI TAMPONI ISOLANI

Dott. Antonio D’Amore
Direttore Generale ASL Na2Nord
direzionegenerale@pec.aslnapoli2nord.it

Dott. Antonio Postiglione
Direzione Generale per la Tutela della salute
e il Coordinamento del Sistema Sanitario regionale
dg.500400@pec.regione.campania.it

Dott. Vincenzo De Luca
Presidente Giunta Regione Campania
capo.gab@pec.regione.campania.it

Dott. Marco Valentini
Prefetto di Napoli
prefna@pec.interno.it

Task Force Protezione Civile Regione Campania
tf.covid19@regione.campania.it

 

Oggetto: Isola di Ischia / Emergenza Covid-19/Ritardi nella effettuazione dei tamponi. Gravi criticità nelle comunicazioni degli esiti successivi alla effettuazione dei tamponi.

Si fa seguito a precorse comunicazioni relative alla diffusione del virus Covid-19  sull’isola di ISCHIA .

All’uopo occorre rilevare che, allo stato, con oltre venti casi positivi al Covid 19 distribuiti in diversi comuni dell’isola, e oltre quaranta pazienti in attesa di conoscere l’esito del tampone effettuato, o addirittura in attesa della sua effettuazione, anche ad oltre sette giorni dalla richiesta, l’isola si conferma in una situazione di particolare criticità rispetto alla gestione dell’emergenza determinatasi.

Come si è avuto modo di porre in evidenza nelle precorse interlocuzioni con le autorità in indirizzo, l’Ospedale “Anna Rizzoli” di Lacco Ameno, unica struttura ospedaliera sull’intera isola di Ischia, che allo stato ospita diversi pazienti ricoverati con diagnosi di positività al virus, presenta innumerevoli criticità legate, tra l’altro, al numero limitato di  posti letto in terapia intensiva, alla carenza di D.P.I. FFP3 per il personale  e di cateteri a circuito chiuso per i pazienti, con la conseguenza che risulti di fondamentale importanza, per la gestione dell’emergenza, conoscere con rapidità gli esiti dei tamponi effettuati, mentre emergono gravi disfunzioni relative alle comunicazioni di tali esiti definiti a distanza di diversi giorni dalla effettuazione.

Occorre altresì evidenziare che al fine di scongiurare una diffusione epidemica di difficile gestione, occorre immediatamente assicurare la possibilità di svolgere test per verificare la positività anche attraverso presidi sanitari mobili, come sta già avvenendo in alcuni territori ricompresi nella gestione dell’Asl Na 1.

Non può non sottolinearsi l’urgenza di garantire, nel più breve tempo possibile, lo svolgimento e la comunicazione degli esiti dei tamponi, rappresentando, sin d’ora, che la persistenza dei ritardi nella loro effettuazione, rischia di compromettere gravemente la situazione su un’isola densamente popolata e con gravi criticità delle strutture sanitarie, anche in condizioni di non emergenza.

I Sindaci dei comuni dell’isola di Ischia, quali rappresentanti della comunità locale e autorità sanitarie nei loro territori, sollecitano conseguentemente, per l’intera isola di Ischia, una campagna di tamponi che tenga conto della densità di popolazione e dell’assenza di continuità territoriale con il continente, in una fase nella quale i collegamenti per le vie del mare risultano drasticamente ridotti a causa dell’emergenza.

Anche i trasferimenti con elicottero di pazienti gravi, ove mai si esaurissero i posti presso l’unica struttura ospedaliera, sarebbe problematica in quanto secondo i protocolli, si dovrebbe attivare successivamente al trasporto, la procedura di igienizzazione di tali velivoli. Peraltro il trasferimento dei pazienti in continente dovrebbe avvenire attraverso barelle per il trasporto ad alto biocontenimento, allo stato non rinvenibili sull’isola, con ulteriori elementi di criticità non superabili.

Gli scriventi ribadiscono che solo la rapida conoscenza degli esiti dei tamponi permetterebbe di isolare con rapidità i casi positivi, predisporre le collocazioni nelle strutture  dedicate e  di interrompere  la catena del contagio abbassando il numero dei nuovi positivi al Covid-19.

Un primo screening potrebbe essere realizzato con i test rapidi “Antibody Determination Kit” acquistati di recente dalla Regione Campania e che gli scriventi chiedono  nuovamente di destinare, immediatamente, anche all’isola di Ischia e non solo per i pazienti sintomatici.

I Sindaci, pur confidando nella positiva interlocuzione finora intrattenuta con i vertici dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord  e con la Presidenza della Regione Campania,  i cui rappresentanti tramite i rispettivi uffici, non hanno fatto mancare la collaborazione e il sostegno in questi giorni di grave emergenza, sono costretti a sottolineare la situazione di grave criticità determinatasi, alla quale occorre porre rimedio con immediatezza, assicurando lo svolgimento dei tamponi e la comunicazione dei loro esiti senza ritardo.

Restano in attesa di cortese urgente  riscontro non escludendo ulteriori iniziative a tutela della salute delle comunità rappresentate.

Ischia, 29 marzo 2020

f.to il Sindaco di Barano d’Ischia

Dott. Dionigi Gaudioso

 

f.to il Sindaco di Casamicciola Terme

Ing. Giovan Battista Castagna

 

f.to il Sindaco di Forio

Dott. Francesco Del Deo

 

f.to il Sindaco di Ischia

Dott. Vincenzo Ferrandino

 

f.to il Commissario Prefettizio

Comune Lacco Ameno

Dott.ssa Simonetta Calcaterra

 

f.to il Sindaco di Serrara Fontana

Ing. Rosario Caruso

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *