UFFICIALE: L’AREA MARINA PROTETTA REGNO DI NETTUNO RITORNA IN GESTIONE AI COMUNI

Mancava solo l’ufficialità, ma da mesi era ormai cosa certa. L’Area Marina Protetta, dopo il Commissariamento arrivato nel 2015, ritorna in gestione ai comuni dell’isola d’Ischia dopo l’affidamento momentaneo alla Capitaneria di Porto. Il 3 settembre, il decreto a firma dell’ormai ex Ministro dell’Ambiente Costa è stato pubblicato anche in Gazzetta Ufficiale.  Ecco la parte più significativa del decreto.

Considerato che la Direzione generale per la protezione della natura e del mare ha ritenuto, dall’esame degli atti acquisiti, non piu’ sussistenti le problematiche che hanno motivato la revoca dell’affidamento in gestione di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare n. 74 del 17
aprile 2015;  Ritenuto per le motivazioni sopra esposte di procedere all’affidamento in gestione dell’area marina protetta «Regno di Nettuno» al Consorzio dei Comuni di Barano, Casamicciola Terme, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Serrara Fontana e Procida;   Decreta:

Art. 1

1. La gestione dell’area marina protetta «Regno di Nettuno» e’ affidata al Consorzio di scopo denominato «Consorzio di gestione dell’Area marina protetta Regno di Nettuno – Isole di Ischia  Procida» del quale fanno parte i Comuni di Barano, Casamicciola Terme, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Serrara Fontana e Procida;

2. Entro il termine di sessanta giorni, decorrente dalla data del presente provvedimento, la Direzione generale per la protezione della natura e del mare stipula con il Consorzio di gestione la convenzione contenente la regolamentazione delle attivita’ di gestione.

3. Il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, previa messa in mora, puo’ revocare con proprio provvedimento l’affidamento in gestione in caso di comprovata inadempienza, inosservanza, irregolarita’ da parte del soggetto gestore di quanto previsto dal decreto istitutivo del 27 dicembre 2007, dal regolamento recante la disciplina delle attivita’ consentite nelle diverse zone dell’area marina protetta, approvato con decreto del 10 aprile 2008, dal regolamento di esecuzione e di organizzazione dell’area marina protetta, approvato con decreto del 30 luglio 2009, nonche’ dalla convenzione di cui al precedente comma e dalla normativa vigente in materia.

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *