ALTRO CHE SICUREZZA STRADALE, PER ENZO FERRANDINO VIENE PRIMA L’AFFARE STRISCE BLU

ALTRO CHE SICUREZZA STRADALE, PER L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ENZO FERRANDINO VIENE PRIMA LA TUTELA DEI VERGOGNOSI AFFARI DELLA SOSTA A PAGAMENTO E COSI’ A ISCHIA SI RIDIPINGONO LE STRISCE BLU SULLE STRADE DISSESTATE SENZA METTERLE PRIMA IN SICUREZZA: CHE VERGOGNA!!!

di Gennaro Savio

Così come avviene in maniera strumentale ad ogni tragedia della strada, nei giorni scorsi, a seguito della dipartita del giovane Francesco Taliercio vittima di un tragico incidente stradale che ha insanguinato le strade del Comune di Ischia, a riguardo della sicurezza stradale il sindaco Enzo Ferrandino scrisse sul suo profilo FaceBook: “Confido, d’intesa con i Sindaci degli altri comuni dell’isola e con i rappresentanti delle forze dell’ordine già impegnati sul territorio, di avviare un percorso che possa portarci a diminuire i rischi – oggi elevatissimi – sulle strade della nostra isola, per l’incolumità dei nostri figli e di chi sceglie l’isola come meta di vacanza e di svago”. Chi non conosce bene la cultura politica dei signorotti che reggono le sorti del governo locale, si è illuso che finalmente Ferrandino e amici potessero adoperarsi per mettere in sicurezza la nostra rete stradale dal pauroso dissesto che la contraddistingue ovunque. Macché, nulla di tutto questo, solo tanta ipocrisia politica ed amministrativa. E a dimostrazione che all’amministrazione Ferrandino più che la sicurezza stradale interessa la tutela dei vergognosi affari legati alla sosta a pagamento, in questi giorni si stanno ridipingendo le famigerate strisce blu su strade paurosamente dissestate senza che venissero prima messe in sicurezza nonostante gli ingenti incassi di multe e abbonamenti: che vergogna! Pensate che hanno avuto il coraggio di ridipingere le strisce in via Leonardo Mazzella la strada, che così come abbiamo ampiamente e puntualmente denunciato nei mesi scorsi, presenta pericolosisimi segni di cedimento e gli avallamenti e i dossi formatisi creano grossi pericoli a pedoni ed automobilisti. Cedimenti, avallamenti e dossi non sono stati eliminati mentre le strisce blu ora splendono di nuova vernice. Pensate che in via Francesco Sogliuzzo le strisce blu sono state ridipinte sulle buche larghe e profonde che rendono il selciato una gruviera per decine di metri: sciu’! E in tutto questo è davvero assordante il silenzio del Comando di polizia Municipale che prima del rifacimento delle strisce blu, dovrebbe pretendere la messa in sicurezza delle nostre strade. Ma non è tutto. Infatti a dimostrazione che per l’amministrazione Ferrandino la cosa più importante è la tutela degli affari legati alla sosta a pagamento e non certamente la tutela della pubblica incolumità, in questi giorni sulle strade di Ischia mentre le strisce blu appaiono brillanti e luccicanti, la stragrande maggioranza degli attraversamenti pedonali risulta dissestato e con le strisce bianche sbiadite: che vergogna!!! E a dimostrazione di quanto stiamo asserendo, vi mostriamo le strisce pedonali presenti in via Antonio Sogliuzzo, nei pressi del  punto in cui qualche anno fa la giovane ed indimenticabile Marianna Di Meglio fu vittima di un incidente stradale. Pensate che da allora neppure la morte di Marianna è servita ad indurre gli amministratori comunali a mettere in sicurezza gli attraversamenti stradali della zona che a tutt’oggiappaiono vergognosamente dissestati: da non credere! Incredibile  dirsi ma qui le strisce pedonali rappresentano la parte più dissestata della strada: che vergogna! Il Partito Comunista Italiano Marxista-leninista guidato dal Segretario generale Domenico Savio, nel condannare l’ipocrisia politica degli amministratori isolani che all’indomani di ogni tragedia stradale parlano di sicurezza delle strade senza fare assolutamente nulla per metterle in sicurezza nonostante le centinaia e centinaia di migliaia di euro incassati da multe e strisce blu, chiede con forza che la si smetta di fare chiacchiere e che, nel rispetto di tutte le vittime della strada, si metta immediatamente in sicurezza l’intera rete viaria della nostra Isola.

Potrebbe interessarti anche…

LACIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *